Yacine Brahimi reagisce all’eliminazione dei Fennecs

Yacine Brahimi durante un duello con la squadra algerina

Yacine Brahimi esprime la sua opinione sull’eliminazione dell’Algeria.

Yacine Brahimi si trova oggi a Parigi per il lancio di FootSider e ha colto l’occasione per rilasciare un’intervista a Le Parisien. L’internazionale algerino è tornato su diversi temi, tra cui l’eliminazione della sua squadra l’altro ieri sera contro il Camerun:

 » È molto, molto complicato… Ancora di più in questo scenario. È questo che fa tanto male. Al 118° minuto, il 99,99% delle volte pensi di essere qualificato e sei minuti dopo ti ritrovi sotto terra… Ma è così, è difficile, è triste, ma fa parte del calcio. Dobbiamo rialzare la testa e iniziare un nuovo progetto. Ma attenzione quando dico questo, non è per cambiare tutto. Ma è una nuova dinamica. Sappiamo che la prossima Coppa del Mondo sarà tra più di quattro anni… Ovviamente ci sono giocatori che non potranno essere presenti. Certo, è un grande fallimento, ma non dobbiamo lasciare che tutto diventi negativo. Tutto qui, è stato suonato per venti secondi. Bisogna cercare di mantenere il sangue freddo e pensare positivo. « 

Yacine Brahimi

L’uomo che gioca in Qatar dal 2019 ha quindi una visione relativamente positiva. Brahimi è fiducioso per il futuro e spera in un risultato migliore. La giovane generazione di Fennec ha ancora qualcosa da dare e da dimostrare.