ILE DE FRANCE, PRIMO CENTRO DI ALLENAMENTO PER LA COPPA DEL MONDO IN QATAR

ILE DE FRANCE, PRIMO CENTRO DI ALLENAMENTO PER LA COPPA DEL MONDO IN QATAR

Per la Coppa del Mondo in Qatar, i giocatori dell’Ile-de-France sono rappresentati in forze con 28 giocatori e due allenatori.

ILE DE FRANCE, LA MINIERA D’ORO DEI RECLUTATORI…

Un totale di ventotto giocatori e due allenatori partecipano alla Coppa del Mondo in Qatar e hanno tutti una cosa in comune: provengono e hanno iniziato a giocare a calcio nella regione dell’Ile de France. È da notare che tutti e sette i distretti della regione Ile-de-France sono rappresentati in questo concorso.

Dei 28 giocatori, 11 sono francesi, tra cui il genio francese del PSG Kylian Mbappé, ma ci sono anche tunisini, camerunensi, portoghesi e persino qatarioti. Gli infortuni accumulati nelle ultime settimane hanno fatto scendere il totale. Infatti, la squadra francese avrebbe potuto contare su Paul Pogba (Roissy, Torcy), N’Golo Kanté (Suresnes), Presnel Kimpembe (Eragny), Mike Maignan (Villiers-le-Bel) o Christopher Nkunku (Fontainebleau).

Quattro anni fa, i giocatori provenienti dall’Ile-de-France erano piuttosto rari. C’erano solo otto giocatori in tutta la competizione. Confrontando questa cifra con quella della metà degli anni ’80, si nota che solo il difensore Thierry Tussaud proveniva dall’Ile-de-France (Noisy-le-Grand) in quel periodo. Ma come possiamo spiegare questo sviluppo? Cosa ha reso l’Ile de France la più importante incubatrice del calcio mondiale, prima dell’area metropolitana brasiliana di San Paolo?

UNA NOZIONE DI PERFORMANCE FIN DALLA PIÙ TENERA ETÀ…

Circa il 18,5% della popolazione francese vive nell’area di Parigi, ma non si tratta solo di una questione demografica. Infatti, il direttore tecnico regionale Ali Moucer ha recentemente dichiarato: « Abbiamo la più grande attività di formazione in Francia. L’anno scorso, nell’Ile-de-France sono stati formati non meno di 5.000 educatori. Il club dell’Ile-de-France accoglie molti giovani. A livello di U9, U10 e U11, i giovani giocatori devono allenarsi al 100% se vogliono giocare nella prima squadra della loro categoria. Tra i 9 e i 14 anni partecipano già a competizioni regionali ad alta intensità.

La Lega di Parigi ha circa 290.000 membri nell’ultimo decennio nonostante Covid, con un aumento di circa il 20%. Anche quest’anno, un terzo dei giovani del centro di formazione proviene dalla regione di Parigi. Gilles Bibes, direttore dell’allenamento dell’ACBB (Boulogne-Billancourt Athletic Club), ha reclutato e allenato quattro giocatori provenienti dalla Coppa del Mondo in Qatar (Marcus Thuram, Georges-Kevin Nkoudou, Hannibal Mejbri e Jean-Pierre Nsamé). Il tecnico sottolinea quindi la qualità della formazione, ma non solo. « Abbiamo allenatori di successo che sono in grado di fornire una qualità di allenamento superiore a quella di altri club della regione », afferma.

« Qui l’intensità della performance è notevolmente moltiplicata. Le competizioni U13 nell’Île-de-France sono più intense che nelle province. Bisogna lottare per conquistare un posto da titolare nel proprio club. Continua: « Ci sono anche 3-4 allenamenti a settimana e sessioni specifiche. Il calcio di strada è essenziale per sviluppare buoni giocatori che siano molto a loro agio dal punto di vista tecnico. Non c’è altra scelta se non quella di giocare 7 contro 7 su 30m2, quindi si progredisce molto rapidamente. Possiamo anche notare che la percentuale di persone provenienti dall’Ile-de-France nella squadra nazionale non sta diminuendo. Infatti, se ci riferiamo all’anno scorso, un totale di 97 uomini e 65 donne dell’Ile de France sono stati convocati per le categorie da U16 a U23 della squadra francese.